Home - Antichi Mais Piemontesi - Associazione di agricoltori e artigiani

Vai ai contenuti

Menu principale:

Associazione produttori di Antichi Mais Piemontesi


Spett. Soci dell'Associazione Antichi Mais Piemontesi
L'ASSEMBLEA ANNUALE ORDINARIA
è fissata per le ore 15,00 di
LUNEDÌ 18 MARZO 2019
presso Agriturismo L’isola che non c’è in località Ghè, N. 1 - CIRIÈ

Sono aperte le iscrizioni per la nuova campagna      Seguirà la Cena
Per prenotare la cena: antichi.mais@tiscali.it  oppure 370.3117411

  • Mais nostrano dell’isola
  • Pignoletto rosso
  • Pignoletto giallo
  • Ottofile bianco
  • Ottofile rosso
  • Ottofile giallo
  • Ostenga



Gli agricoltori e gli artigiani appartenenti all’Associazione Antichi Mais Piemontesi producono:
  • Farina per polenta e per pasticceria (100% farine di antichi mais).


Il 9 gennaio 2019 L'Associazione Antichi Mais è stata presentata  alla trasmissione di
Rai3 Geo e Geo


________________________________________________________________________________________________________________
per informazioni:

Antichi Mais Piemontesi
Mappa dei Produttori
________________________________________________________________________________________________________________
Alcuni marchi di garanzia, apposti sull’etichetta dei prodotti, servono a tutelare i consumatori.
Il logo europeo del biologico, dove presente, garantisce che i prodotti sono realizzati seguendo le norme indicate dalla Regolamentazione europea sull’agricoltura biologica.
Marchio creato dalla Provincia di Torino per accogliere tutti i prodotti agroalimentari ed agricoli del territorio provinciale, che in base a verifiche tecnico-scientifiche sono prodotti in maniera artigianale da produttori locali, appartengono alla tradizione storica locale, sono prodotti con materie prime locali e costituiscono una potenzialità per lo sviluppo locale.
Il marchio dell’Associazione Antichi Mais Piemontesi garantisce che la farina deriva da vecchie varietà di mais piemontesi macinati a pietra. L’associazione, nata nel 2004 per la conservazione e la valorizzazione delle vecchie varietà di mais locali, attua programmi di autocontrollo attraverso un disciplinare di roduzione e sopralluoghi a campione realizzati nei campi coltivati dai soci.
Torna ai contenuti | Torna al menu